Ripresa la campagna di rilevamento CEM a Treviglio
Rilevamento CEM
Volontari e TAOMA
Nella convenzione stipulata con l’Amministrazione Comunale di Treviglio, l’Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d’Adda, fra gli altri interventi, ha la rilevazione dei CEM (Campi Elettromagnetici) sul territorio di Treviglio con varie finalità. La prima è di natura strettamente pratica, e risponde ad un’esigenza circostanziata di avere dati reali sulla presenza di fonti di CEM, per completare quanto già documentato presso l’Ufficio Ambiente. La seconda è di tipo salutistico, in quanto le misure danno origine a valutazioni sulla singola fonte e sull’insieme delle stesse, per stabilire l’impatto sulla popolazione; ciò supporta o dissolve la preoccupazione per la salute, soprattutto in presenza di dubbi e interpretazioni varie. La terza ha una valenza costruttiva, per la possibilità di fornire eventuali indicazioni nella stesura di documenti e regolamenti locali, oltrechè di supplire ad interventi dedicati.

In questo modo si risponde anche alla necessità di monitoraggio di un’Amministrazione Comunale come la nostra può avere bisogno per rispondere ad interrogativi, sia di tipo tecnico, che di tipo applicativo.

La strumentazione in possesso della nostra Associazione è la migliore sul mercato, non solo nazionale, e consente misure precise e valutabili con estremo rigore. Per ogni singolo rilevamento l’apparecchiatura elabora circa 4000 dati, che conducono al valore finale, considerato quindi come la media di tantissime singole misure.

E’ noto a tutti che esistono normative precise, sia per la costruzione, che per il posizionamento, che per il funzionamento delle antenne e dei ripetitori, e delle linee ad alta tensione, con la conseguente salvaguardia della salute umana.

La misura viene effettuata puntando lo strumento contro la sorgente alla distanza più vicina possibile, e tenendo conto di eventuali possibili interferenze, quali ad esempio alberi e costruzioni. In alcuni casi infatti non è possibile effettuare la misura proprio sotto l’antenna; c’è da dire però che comunque già subito ai piedi dell’antenna si è ad almeno 10 metri da terra, e quindi già oltre il limite fissato dalla legge per le misure di salvaguardia.

Il nostro studio, iniziato nel 2009 e che stà proseguendo anche quest’anno, è rivolto ad antenne e ripetitori, e alle linee ad alta tensione. I siti oggetto di rilevazione sono 37, di cui 25 riferiti ad antenne di impianti di telefonia mobile e ripetitori con misura espressa in V/m, 10 a linee ad alta tensione con misura espressa in µT (microTesla), e 2 a impianti radiotelevisivi. Di questi, alcuni siti sono stati oggetto di misure ripetute, per verifiche e approfondimenti. Sono state prese in esame anche due aree cosiddette sensibili, così come definite dalla legge vigente; in particolare, le misure sono state effettuate presso le Scuole Elementari "A.Mozzi" e "C.Battisti", a testimonianza di un particolare interesse salutistico per una popolazione per definizione più debole, come gli scolari.

Tutte le misure sono risultate ben al di sotto dei limiti previsti dalla normativa, e questo conforta, se mai ce ne fosse stato bisogno, ai fini di tranquillizzare gli eventuali allarmi che periodicamente emergono nel dibattito anche politico non solo della nostra città. Ciò significa che, per quanto ai parametri rilevati, siamo assolutamente nella normalità, e quindi, almeno per adesso, possiamo stare davvero tranquilli; non ci sono elementi per sollecitare interventi di alcun tipo. Certo è che i nostri volontari, abilmente coordinati da Marco Villa, esperto del settore, e assistito da Alberto Rottola, Giancarlo Zavatti, Giovanni D'Avenia, Eugenio Pezzotti, Roberto Barzago, continueranno ad effettuare le misure all’aperto, ricordando anche che i CEM più potenti e potenzialmente più dannosi li abbiamo in casa.

Per quanto ai danni a lungo termine, non abbiamo ancora dati certi in merito alla gravità; sono in corso studi approfonditi per valutarla, ma i risultati non sono ancora definitivi. Ciò comunque non può far distogliere l'attenzione scientifica da un problema che potrebbe presentarsi grave, anche se finora non lo è.
Per quanto ai danni a breve termine, oltre a quei tipi di fenomeni di interferenza che ogni tanto ci vengono mostrati in televisione, c'è tutta una serie di sintomi biologici ricollegabili all'esposizione ai campi elettromagnetici; questi sintomi, seppure non specifici e comunque da valutare approfonditamente, vanno dall'affaticamento, all'irritabilità, alla nausea, all'insonnia, alla difficoltà di concentrazione, alle vertigini, e addirittura alla tendenza alla depressione. Seppure indicati da vari studi, è chiaro che il rapporto causa-effetto è da valutare attentamente ai fini di escludere altre cause magari banali, o forse organiche. Quindi, non ci resta che prevenire, o meglio ancora, segnalare dove è possibile intervenire.

Consulta i dati rilevati

Galleria fotografica
  Inviato da admin   mercoledì 10 marzo 2010 - 20:04:31
stampa friendly crea pdf di questa news

Concluso il corso base per volontari di Protezione Civile
I partecipanti al corso
I partecipanti al corso
E' stato un successo di partecipazione il corso base per Volontari delle Associazioni e dei Gruppi Comunali/Intercomunali di Protezione Civile che si è tenuto tra il 25 gennaio e 18 febbraio scorsi presso il municipio di Castel Rozzone.

Al corso, organizzato dal COM della Bassa Bergamasca e riconosciuto dall'I.Re.F. (Istituto Regionale lombardo di Formazione per l'amministrazione pubblica - Scuola Superiore di Protezione Civile), si erano iscritti 100 volontari, o aspiranti volontari, di tutte le età, 78 dei quali hanno superato il test finale. Oltre al superamento del test nel computo della votazione finale è stato determinante anche il numero di presenze.

Nelle otto serate si sono succeduti con argomenti diversi i relatori, Gianni Perego (Presidente Volontari Protezione Civile di Treviglio), Giacomo Passera (Presidente Sommozzatori Volontari di Treviglio), Marco Villa (Volontari Protezione Civile di Treviglio - Sommozzatori Volontari di Treviglio), Alessandro Giani (Volontari Protezione Civile di Treviglio) e Federico Merisi (Vice-presidente Volontari Protezione Civile di Treviglio). Ai relatori va riconosciuta la competenza per la scelta degli argomenti proposti e per l'abilità nella loro esposizione, meriti che hanno determinato il costante interesse per i 78 volontari che hanno superato il test finale.

Nella serata di lunedì 1 marzo, alla presenza di tutti i sindaci dei Comuni che compongono il COM, sono stati consegnati gli attestati.
Dopo l'introduzione del Presidente del COM Dott. Luciano Ferrari, sindaco di Morengo, si sono succeduti il sig. Gianni Perego che ha esposto i risultati del corso, e i vari sindaci che hanno voluto consegnare personalmente l'attestato ad ogni volontario del proprio Comune.

Il presidente del COM ha poi concluso la serata annunciando che sabato 26 giugno a Pagazzano si terrà la "Giornata del COM Bassa Bergamasca".

(Di seguito l'elenco dei volontari che hanno superato il test finale)


[ Leggi tutto... ]
  Inviato da admin   giovedì 04 marzo 2010 - 22:24:47
stampa friendly crea pdf di questa news

Convegno regionale sulla prevenzione del Rischio Industriale

I Volontari della Protezione Civile di Treviglio relatori al convegno regionale
"Il ruolo della comunicazione alla popolazione nella prevenzione del rischio industriale"


Mercoledì 3 febbraio 2010 alle ore 9.00, a Milano, presso il Palazzo della Regione Lombardia, si terrà il convegno "Il ruolo della comunicazione alla popolazione nella prevenzione del rischio industriale", organizzato dall'Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia (IRER).

I Volontari della Protezione Civile di Treviglio sono stati invitati a esporre le esperienze nell'ambito della comunicazione alla popolazione. Esperienze frutto di anni di studi e ricerche ed esercitazioni culminate lo scorso anno con la pubblicazione, in collaborazione con il Comune di Treviglio, dell'opuscolo "Il rischio chimico - informazione alla popolazione di Treviglio sul rischio di incidente rilevante", distribuito gratuitamente alla popolazione trevigliese e dei paesi limitrofi, e con il convegno omonimo tenuto nell'autunno scorso.
L'associazione sarà rappresentata dal presidente Gianni Perego, che sarà anche il relatore, dal vicepresidente Federico Merisi e dal responsabile della comunicazione Alessandro Giani, accompagnati dall'assessore del Comune di Treviglio Graziano Quadri e da un rappresentante di una delle industrie a rischio incidente rilevante.

Per l' associazione è l'ennesimo riconoscimento della competenza in merito al rischio chimico/industriale.
Il rischio chimico/industriale è l'attività principale già dalla fondazione dell'associazione. Attività che oltre ad essere composta da ricerche, è fatta di esercitazioni periodiche, nelle quali, oltre ai volontari, sono state coinvolte, a seconda dei casi, le industrie a rischio incidente rilevante, il Comune, le Forze dell'Ordine, i Vigili del Fuoco, la Croce Rossa Italiana, le altre organizzazione del soccorso e protezione civile e soprattutto i cittadini, con il fine di verificare l'efficacia delle operazioni previste per il superamento dell'emergenza.



Scarica il programma del convegno

Scarica la presentazione in formato pdf

Scarica l'opuscolo "Il rischio chimico - informazione alla popolazione di Treviglio sul rischio di incidente rilevante"

Vedi Foto
  Inviato da admin   sabato 30 gennaio 2010 - 22:45:47
stampa friendly crea pdf di questa news

Giornata del Ringraziamento del Volontariato di Protezione Civile
Raffaella Moriggio
Raffaella Moriggio ritira l'attestato
di riconoscimento per la nostra associazione
Sabato 12 dicembre si è svolta a Bergamo, nella splendida cornice della piazza Vecchia in Città Alta, la "Giornata del Ringraziamento del Volontariato di Protezione Civile".
Alla manifestazione hanno partecipato tutti i Gruppi Comunali e Associazioni di Protezione Civile, Alpini, Vigili del Fuoco, Sommozzatori e Organizzazioni di Soccorso che operano in servizio volontario nella nostra provincia.
La giornata è cominciata con il raduno dei volontari che hanno colorato Piazza Vecchia con le loro divise gialle, blu, rosse, arancio e con l'esposizione dei mezzi di soccorso che successivamente hanno ricevuto la benedizione da parte del Vescovo di Bergamo ed è poi proseguita in Duomo con la santa messa celebrata da S.E. Mons. Francesco Baschi, Vescovo di Bergamo.
Al termine della santa messa, i volontari si sono ritrovati sotto le arcate del Palazzo della Ragione attorno al palco, dal quale le autorità hanno espresso i loro ringraziamenti ai volontari della Protezione Civile per le attività che hanno svolto durante l'anno e soprattutto per l'intervento effettuato da centinaia di volontari bergamaschi a favore delle popolazioni terremotate d'Abruzzo e in particolar modo nel campo 5 di Paganica (AQ).
Tra le autorità, oltre ai rappresentati della Protezione Civile Nazionale, anche il rappresentate dei cittadini di Paganica che ha portato i loro saluti e i ringraziamenti.
Al termine degli interventi, l'Assessore alla Protezione Civile della Provincia di Bergamo Fausto Carrara ha distribuito gli attestati di riconoscimento a tutte le organizzazioni di protezione civile provinciali.
Per la nostra associazione ha ritirato l'attestato Raffaella Moriggio, che insieme a Tina Preziso, Pierluigi Rocchi, Alessandro Giani, Maria Quartieri, Giacomo Belloni, Davide Nassuato hanno prestato il loro aiuto alle popolazioni terremotate in tre diverse spedizioni a Paganica.
La giornata si è conclusa con un conviviale in piazza, che ha dato modo a molti volontari di scambiarsi gli auguri natalizi e un'occasione per ritrovarsi per i tanti che sono intervenuti in Abruzzo.


Vedi la galleria fotografica della manifestazione

Vedi l'attestato di riconoscimento

Video

  Inviato da admin   sabato 12 dicembre 2009 - 16:41:36
stampa friendly crea pdf di questa news

Corso base per volontari di Protezione Civile

Il COM Bassa Bergamasca ha organizzato un corso di formazione di base, riconosciuto IREF,
per i volontari dei Gruppi Comunali e Associazione di Protezione Civile.

Il corso che si svolgerà presso il Comune di Castel Rozzone (BG) tra il 25 gennaio e 18 febbraio 2010 sarà suddiviso in tre argomenti principali:

- Organizzazione della Protezione Civile.
- Teoria dei disastri e delle emergenze.
- La dinamica delle emergenze e le tecniche di intervento

A completamento del corso verrà rilasciato un attestato riconosciuto I.RE.F. (Istituto REgionale di Formazione per l'amministrazione pubblica).


Scarica il programma e la scheda di iscrizione
  Inviato da admin   sabato 05 dicembre 2009 - 11:14:20
stampa friendly crea pdf di questa news

Paganica 5 - Tirando le somme
Volontari bergamaschi
Volontari bergamaschi
Anche questa esperienza viene archiviata, anche questa volta 3 volontari hanno dato il loro contributo alle popolazioni colpite dal sisma, cercando di rendere il più indolore possibile il ritorno alla vita quotidiana.
Del campo di Paganica San Giustino abbiamo visto l'alba, lo zenith ed il tramonto, tre missioni diverse, con obiettivi differenti, difficoltà molteplici, ma impegno ed entusiasmo costanti.
Come sempre, un clima di serenità ed armonia con i volontari che hanno condiviso con noi la missione, ha fatto si che tutto si svolgesse secondo le istruzioni impartite dai vertici provinciali e regionali. Ottima è stata anche la collaborazione con i colleghi della provincia di Mantova, i quali anche questa volta hanno gestito con professionalità la segreteria del campo. Un doveroso grazie va ai volontari di Spinone al Lago, Antegnate, Valbrembo, Paladina, Fonteno, agli alpini della città di Bergamo ed al capo campo, che ha coordinato le operazioni di smantellamento.
E sebbene questa sia stata un'esperienza qualificante, poichè c'è sempre da imparare, ritengo che, prima di tutto e come sempre, sia stata un grande arricchimento dal punto di vista umano e morale.

Grazie a tutti!

Resp. Operativo III Missione Paganica 5
Alessandro Giani


Vedi le gallerie:
- Campo Paganica 5
- Danni del terremoto
- Operazione di smantellamento del campo Paganica 5
  Inviato da Alessandro Giani   lunedì 16 novembre 2009 - 11:51:50
stampa friendly crea pdf di questa news

Terremoto in Abruzzo - Smantellamento del campo Paganica 5
Tendopoli Campo Paganica 5
Tendopoli in fase di smantellamento
Tre nostri volontari (Alessandro Giani, Tina Preziuso, Pierluigi Rocchi) partiranno venerdi 6 novembre alla volta di Paganica (AQ).
Durante la settimana dal 7 al 14 novembre collaboreranno con altri volontari della Protezione Civile della provincia di Bergamo alle operazioni di smantellamento del campo Paganica 5 - San Giustino.
Come tutti ormai sanno da TV e giornali, le tendopoli installate nelle zone colpite dal terremoto sono state chiuse e gli abitanti, che non hanno ancora ricevuto le nuove case (Piano C.A.S.E. - Complessi Antisismici Sostenibili Ecocompatibili), sono stati trasferiti nelle strutture alberghiere abruzzesi in attesa dell'assegnazione di una nuova abitazione.





  Inviato da admin   venerdì 06 novembre 2009 - 10:27:19
stampa friendly crea pdf di questa news

Vai a pagina  1 2 3 4 5 6 [7] 8 9 10
   
Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d'Adda
Via Abate Crippa, 34/C - 24047 Treviglio (BG)
Tel. : +39 (0363) 419272 - Fax : +39 (0363) 419272 - E-mail :info@protezioneciviletreviglio.it
This site is powered by e107, which is released under the terms of the GNU GPL License.
Render time:1.7107sec0.0206di queries.queries DB36. Memoria in uso:14,713kb