Il nostro Presidente nominato per la Consulta Regionale del Volontariato di Protezione Civile

L'Assessore provinciale Fausto Carrara
e il nostro presidente Gianni Perego
L'Assessore alla Protezione Civile della Provincia di Bergamo Fausto Carrara ha nominato i due delegati a rappresentare la nostra provincia nella Consulta Regionale del Volontariato di Protezione Civile.

Uno dei due delegati sarà il nostro presidente Gianni Perego, attivo nel Volontariato di Protezione Civile dalle sue origini.

La notizia riempie d'orgoglio la nostra Associazione che da oltre venticinque anni è impegnata soprattutto nell'opera di sensibilizzazione del Rischio Chimico.





  Inviato da admin   giovedì 20 ottobre 2011 - 13:48:36
stampa friendly crea pdf di questa news

L'esercitazione di Rischio Chimico in via Ada Negri
Esercitazione
Si è conclusa positivamente l'esercitazione di Protezione Civile che si è svolta l'8 ottobre scorso a Treviglio in via Ada Negri.
L'esercitazione aveva soprattutto lo scopo di verificare l'efficienza della comunicazione e dell'integrazione tra i vari soggetti che compongono il sistema Protezione Civile a Treviglio e cioè Amministrazione Comunale, Vigili del Fuoco, Croce Rossa, Polizia locale, Polizia Stradale e Ferroviaria e Volontari della Protezione Civile di Treviglio, Castel Rozzone e Pontirolo.
All'esercitazione ha partecipato anche la squadra d'emergenza della Farchemia SpA, che ha svolto in modo impeccabile il proprio ruolo, e una squadra del nucleo NBCR dei Vigili del Fuoco di Bergamo.
Hanno infine assistito in qualità di osservatori speciali degli esperti dell'AREU/118 di Bergamo.

Lo scenario prevedeva che un autocarro che trasportava sostanze chimiche pericolose fosse urtato, durante una manovra, da un mezzo agricolo che procurava danni tali da provocare la fuoriuscita di acido cloridico in una concentrazione molto pericolosa.
L'incidente prevedeva feriti e situazioni tali da richiedere tutte le forze di soccorso adeguate e l'attivazione di un Centro Operativo Comunale.

Al termine dell'esercitazione si è svolta nella sede della Protezione Civile di Treviglio una riunione tra i soggetti coinvolti con lo scopo di analizzare gli aspetti positivi e negativi dell'esercitazione.



- Articolo de "Il Giornale di Treviglio"

- Articolo de "Il Popolo Cattolico"

- Galleria fotografica


  Inviato da admin   martedì 11 ottobre 2011 - 06:08:37
stampa friendly crea pdf di questa news

Corso di formazione e aggiornamento sul Rischio Tecnologico



Corso Rischio Chimico
Corso di formazione e aggiornamento sul Rischio Tecnologico

con particolare riferimento al nuovo Piano di Emergenza Industriale della Provincia di Bergamo (anno 2010)

Obiettivi formativi e finalitàMantenere alto il livello di informazione e formazione del personale operativo e non operativo inserito nel contesto del rischio tecnologico della Provincia di Bergamo – COM Bassa Bergamasca
Programma
Venerdì, 28 ottobre 2011 - ore 20.00 - durata lezione 3 ore

relatore : p.a. Gianni Perego - Presidente Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio, Progettista della formazione IREF

Nuove indicazioni emerse nel Piano di Emergenza Rischio industriale della Provincia di Bergamo – anno 2010
  • Le aziende R.I.R presenti nel territorio;
  • la loro dislocazione;
  • le procedure operative da sviluppare in sicurezza durante l’ emergenza;
  • pianificazione soccorsi alla popolazione.
  • uso dei DPI procedure di vestizione DPI e disinquinamento personale operativo.

*****

Venerdì, 4 novembre 2011 - ore 20.00 - durata lezione 3 ore

relatore : dott. ing. Gianachille Giuliani - Ingegnere Chimico, Docente scuola superiore, Volontario Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio, Consulente formatore della sicurezza del lavoro - esperto in valutazioni di rischio, Progettista della formazione IREF

Aggiornamento delle informazioni relative alla sicurezza sulle sostanze trasportate al loro riconoscimento e alla metodologia e analisi del rischio.
  • Le nuove simbologie di pericolo – CLP;
  • la loro codifica;
  • la valutazione del rischio;
  • I comportamenti e l’operatività in sicurezza.

*****

Venerdì, 11 novembre 2011 - ore 20.00 - durata lezione 3 ore

relatore : dott. Federico Merisi - Medico, Vice Presidente Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio

Le procedure di primo soccorso in caso di contatto accidentale e/o inalazione delle sostanze tossiche.
  • Modalità di disinquinamento individuale degli operativi;
  • Procedure di recupero e disinquinamento dei feriti.
Numero lezioni3
Data inizio28 ottobre 2011
LuogoSala Melograno, presso CASSA RURALE - BCC DI TREVIGLIO
via C.Carcano, 6 - Treviglio (BG)
Enti e strutture a cui è
indirizzato
Enti e Istituzioni di Pubblica Sicurezza ( Polizia, Polizia Stradale, Polizia Ferroviaria, Polizia Locale, Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia Provinciale …), Volontari di Protezione Civile, Volontari di Pronto Soccorso Sanitario, Istituti/Servizi di sorveglianza.
Titolo richiesti per la partecipazione al corsoNessuno
NoteA fine corso verrà effettuata una verifica e rilasciato un attestato di partecipazione.



  Inviato da admin   giovedì 29 settembre 2011 - 23:50:59
stampa friendly crea pdf di questa news

Corso d'informazione per il supporto logistico alle unità cinofile



Corso UC
Corso d'informazione finalizzato alla formazione di gruppi operativi per il supporto logistico alle unità cinofile

Obiettivi formativi e finalitàcreare gruppi operativi locali/comunali finalizzati al supporto logistico delle unità cinofile ( UC)
Programma
  • "Unita Cinofila" io sono o noi siamo una Unità Cinofile - Protocollo Unità Cinofila di Protezione Civile.
  • L’importanza di essere informati.
  • Saper gestire correttamente l’emergenza.
  • E' il lavoro di squadra che determina il successo della ricerca.
Numero lezioni1
Data17 ottobre 2011
LuogoSede Associazione Volontari delle Protezione Civile di Treviglio
Via Abate Crippa, 34 - Treviglio (BG)
RelatoreMaria Quartieri, istruttore unità cinofile
Enti e strutture a cui è
indirizzato
Volontari di Protezione Civile
Titolo richiesti per la partecipazione al corsoNessuno



  Inviato da admin   giovedì 29 settembre 2011 - 22:00:42
stampa friendly crea pdf di questa news

Esercitazione Rischio Chimico a Treviglio
Esercitazione
Sabato 8 ottobre a partire dalle ore 14.00 l’Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio, di concerto con l’Amministrazione Comunale di Treviglio, proporrà un’esercitazione sul tema delle sostanze pericolose trasportate e che s’inquadra nel rischio chimico, settore in cui l’Associazione è da anni specializzata.

L’esercitazione vedrà coinvolti per i loro ruoli di competenza i rappresentanti degli uffici tecnici comunali, la Polizia Locale, i Vigili del Fuoco di Treviglio, la Croce Rossa Italiana di Treviglio, i volontari dei gruppi comunali di Protezione Civile di Castel Rozzone e Pontirolo e la squadra di emergenza della Farchemia.

Lo scenario è particolare: Via Ada Negri, nei pressi dell’azienda Farchemia, in modo che si possa verificare le capacità e la collaborazione dei partecipanti senza interferire col piano di emergenza interno all’azienda stessa. Non si tratta infatti di simulazione di incidente in Farchemia, perché sarebbe sottoposto a regole e procedure diverse; si tratta invece di un incidente simulato sulla strada che costeggia la ditta chimica, e che coinvolgerà due mezzi, di cui uno che trasporta una sostanza chimica potenzialmente pericolosa. Farchemia interverrà comunque con la sua squadra di emergenza, a supporto del lavoro dei partecipanti all’esercitazione. Ciò dimostra la sensibilità dell’azienda a problematiche di sicurezza, e la disponibilità ad entrare in sinergia con gli enti che contribuiscono all’informazione e alla formazione dei cittadini sul rischio specifico.

I principali obiettivi sono la valutazione delle procedure da attuarsi in tali situazioni, della tempistica in caso di allarme, del coinvolgimento di enti diversi, senza dimenticare che l’esercitazione comporta interventi che fanno parte del piano di emergenza della Città di Treviglio.

  Inviato da admin   giovedì 29 settembre 2011 - 21:38:55
stampa friendly crea pdf di questa news

Monitoraggio della Radioattività a Treviglio
Verifica Radioattività
In un'ottica preventiva e informativa alla popolazione, a seguito anche di quanto sta accadendo alla centrale nucleare di Fukushima in Giappone, stiamo eseguendo delle rilevazioni della radiottività nella nostra città.

L'operazione di monitoraggio prevede tre rilevazioni giornaliere.
Oggi, giovedì 17 marzo 2011, la media è tra 0.20 e 0.25 µSv/h (microSievert/ora), valore che corrisponde alla media che si rileva da sempre a Treviglio.






AGGIORNAMENTO di mercoledì 23/03/2011 alle ore 23.00

Tutti i media stanno diffondendo notizie in merito al passaggio nel nord Italia di masse d'aria debolmente contaminate da materiale radioattivo.
Le previsioni degli esperti sono rassicuranti e, seppur ammettono che ci potrebbe essere la possibilità un lievissimo innalzamento del normale livello di radiazioni, confermano che le stesse non saranno dannose per la nostra salute.
Come già anticipato, da qualche giorno stiamo facendo costantemente delle rilevazioni della radioattività a Treviglio, ma finora non è mai stato superato il solito limite di 0.25 µSv/h .


AGGIORNAMENTO di venerdì 25/03/2011 alle ore 23.00

Non si rilevano differenze della radioattività nella nostra città. Le misure continuano ad avere medie comprese tra 0.20 e 0.25 µSv/h .


AGGIORNAMENTO di domenica 17/04/2011 alle ore 23.00

La radioattività nella nostra città è costante. Non si rilevano differenze e la media è sempre comprese tra 0.20 e 0.25 µSv/h .


  Inviato da admin   giovedì 17 marzo 2011 - 21:41:59
stampa friendly crea pdf di questa news

Campi Elettromagnetici. Interesse di tutti, preoccupazione di pochi.
Esigue presenze al convegno organizzato dall’Associazione, ma eccellente l’interazione con il pubblico in sala

Convegno Campi elettromagnetici
Marco Villa
L’Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio continua nel suo impegno a favore della Città, in un’ottica di prevenzione a lungo termine.
Il progetto di rilevamento e studio dei campi elettromagnetici (CEM), operato nell’ambito della convenzione con l’Amministrazione comunale ha visto impegnati i Volontari in numerosi rilevamenti sul territorio, i cui risultati sono stati presentati il 2 dicembre 2010.
Al convegno, che si è tenuto nel tardo pomeriggio presso l’auditorium della Cassa Rurale di via Carcano, sono intervenuti per lo più gli addetti ai lavori, fatto salvo qualche cittadino interessato e l’Assessore Francesco Lingiardi, in rappresentanza del Sindaco.
I partecipanti hanno dimostrato grande interesse per l’argomento, e il loro desiderio di sapere, durante il dibattito, ha ottenuto approfondimenti esaurienti alle più disparate curiosità riguardanti i fenomeni elettromagnetici.
I relatori, Marco Villa , Federico Merisi hanno presentato i risultati delle ricerche, ponendo in evidenza la necessità di continuare a tenere monitorato il territorio, sebbene attualmente non presenti situazioni di criticità, né sulle linee dell’alta tensione, né sui ripetitori della telefonia mobile, oggetto di questa prima tornata di indagini.
Nell’occasione, il Presidente Gianni Perego ha tenuto a precisare che l’approccio verso le fonti di elettromagnetismo monitorate sul territorio è stato obiettivo e imparziale, avendo avuto come solo ed unico interesse una misurazione senza pregiudizi anche dei siti ritenuti più sensibili, come le scuole elementari Mozzi e Battisti.
Ma a fronte di una giusta preoccupazione per questi siti, con relativo stupore dei presenti, si è fatto notare che alcune fonti di intenso elettromagnetismo, si trovano anche in casa propria, ad esempio accendendo il forno a microonde o l’asciugacapelli (circa 2000 microT a 3 cm di distanza), dalla quale è opportuno e consigliato mantenere una minima distanza (almeno 15 cm) per evitare di essere interessati dall’intensa attività elettromagnetica che li riguarda, mentre sono in funzione.
La serata ha poi affrontato l’argomento secondo un approccio medico, valutando quanto i fenomeni elettromagnetici potrebbero avere delle connessioni con eventuali patologie cancerogene.
Secondo le autorità competenti, che si pongono in modo cauto rispetto al problema, non vi è un legame diretto con l’attività elettromagnetica; tuttavia sono stati definiti livelli massimi di emissione, in via del tutto precauzionale, affinché non si creino opportunità per innalzare continuamente le emissioni, in assenza di riscontri diretti di un rapporto causa-effetto.
La poca affluenza tuttavia non ha scoraggiato i volontari, i quali, pur dispiaciuti per non aver raccolto il consenso atteso (anche a fronte delle frequenti polemiche sul tema) continueranno nelle ricerche, aggiornando i dati in virtù delle nuove installazioni che progressivamente si rilevano sul territorio.
Aspettando un prossimo dibattito ringraziamo gli intervenuti, augurandoci di aver mezzo a fuoco eventuali criticità.
Suggeriamo infine agli interessati la disponibilità del materiale relativo alle ricerche ed al convegno sul nostro sito:

Il responsabile della comunicazione
Alessandro Giani


  Inviato da admin   venerdì 10 dicembre 2010 - 04:32:59
stampa friendly crea pdf di questa news

Vai a pagina  1 2 3 4 [5] 6 7 8 9 10
   
Associazione Volontari della Protezione Civile di Treviglio e Gera d'Adda
Via Abate Crippa, 34/C - 24047 Treviglio (BG)
Tel. : +39 (0363) 419272 - Fax : +39 (0363) 419272 - E-mail :info@protezioneciviletreviglio.it
This site is powered by e107, which is released under the terms of the GNU GPL License.
Render time:0.0675sec0.0184di queries.queries DB34. Memoria in uso:1,021,128b